pag. 15                                 Indice Islanda

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




 

 

Riprendiamo quindi la navigazione, alla ricerca di qualche balena. I depliants che ci sono stati forniti danno in effetti una percentuale di avvistamenti piuttosto alta, e siamo quindi speranzosi di essere fortunati.

 

 

Tramite un altoparlante, una guida ci informa di cio' che avvistiamo, e ci da' informazioni varie, mentre la navigazione continua nelle profonde e gelide (circa 4) acque del mare Artico, in questa zona straordinariamente ricche di piccole meduse. Finalmente, avvertiti dalla guida, avvistiamo una prima balena, che ogni tanto emerge dalle acque, seguita poco dopo da un'altra a non molta distanza.

balena di Minky

Si tratta di una balena di Minky, di dimensioni piu' piccole rispetto alle grandi balenottere azzurre, ma pur sempre impressionante se vista da vicino.

La nostra imbarcazione cerca di avvicinarsi, mentre la tensione per cercare di avvistare i grandi animali sale alle stelle. A un certo punto, dopo alcuni minuti di pausa, una delle balene emerge a poca distanza dalla nave, emettendo sbuffi di vapore. L'imbarcazione allora si ferma del tutto, cercando di non spaventare l'animale.

 

Altre due piccole imbarcazioni si avvicinano anche loro, e stiamo tutti in trepidante attesa. Dopo alcuni minuti, nel profondo delle acque limpide vediamo con chiarezzza una grande figura che si aggira sotto di noi, facilitati dal fatto che la punta delle pinne di queste balene e' bianca.

 

 

 

Il cetaceo passa proprio al di sotto della nave e quindi emerge a sorpresa  a pochi metri da noi. Si immerge di nuovo e mentre ci spostiamo rapidamente riemerge a prua, proprio dove siamo sistemati, ed inizia un'incredibile movimento su e giu' con la testa proprio nella nostra direzione, come se volesse salutarci.

 

 

balena di Minky

Quindi torna ad immergersi, e sparisce dalla nostra vista. Restiamo allibiti, sorpresi e stupiti da un avvistamento cosi' ravvicinato che certo non ci aspettavamo, mentre riceviamo i complimenti dell'equipaggio e della guida per tanta fortuna.

 

 

 

La nave riprende quindi lentamente la navigazione, e si avvia per la strada del ritorno, consentendoci di avvistare ancora un altro paio di balene ad una certa distanza.

Il tempo sta lentamente peggiorando, e quando ritorniamo in porto per lasciare il posto sulla nave ad altre persone inizia una leggera pioggerella e si alza il vento.

 

Husavik - il museo

Siamo solo a meta' pomeriggio e quindi approfittiamo del tempo disponibile per visitare il bellissimo museo di Husavik, molto interessante e ricco sia dal punto di vista naturalistico che storico e folcloristico. Vi si trova pure, imbalsamato, un grande orso polare giunto alcuni anni fa fino in Islanda dalle coste della Groenlandia, su di un blocco di ghiaccio.

 

Quando usciamo dal museo piove a dirotto, sotto un vento piuttosto teso, una tipica atmosfera islandese. Lasciamo Husavik e riprendiamo la strada per la nostra destinazione per la notte, la citta' di Akureyri ad un centinaio di chilometri di distanza. Per la strada l'intensita' della pioggia aumenta ancora, diventando un continuo nubifragio, che il nostro mezzo affronta senza problema. Arriviamo in citta' sotto il diluvio e troviamo rapidamente l'ostello locale che abbiamo prenotato. Questo si rivela come un albergo di ottimo livello, e il gestore, piuttosto burbero ma simpatico, ci intima non solo di toglierci le scarpe e lasciarle nelle rastrelliere all'ingresso (cosa normale quasi ovunque in Islanda), ma ci procura diversi asciugamani per asciugare accuratamente i nostri bagagli, che inevitabilmente si bagnano nel pur brevissimo tragitto dal carrello posteggiato alla porta d'ingresso.

Ci sistemiamo nelle stanzette tirate a lucido, e poi affrontiamo le intemperie per recarci in un vicino ristorante. Questo si rivela il miglior locale che troveremo in Islanda, un vero e proprio ristorante che ci riscalda completamente. Torniamo quindi a 'casa', ed abbiamo ancora il tempo di intrattenerci un po' nel bel salotto dell'ostello, mentre fuori la bufera continuera' ad imperversare per tutta la notte

 

            indietro                                Indice Islanda                                     avanti